Categoria: I-II/2020 it

DOI: 10.30443/POI2020-0010 Glosse al pensiero. Gómez Dávila, Cioran, Emo di Pier Alberto Porceddu Cilione   A volte, la musa della filosofia è una musa silenziosa. Se il “canone maggiore” della tradizione filosofica rivendica per sé una scrittura estesa, argomentativa, traccia di un flusso di pensiero compatto e ordinato, dove la maestà del ragionamento si riflette […]

Leggi tutto

DOI: 10.30443/POI2020-0009 Dé-lire de l’amour, o della decostruzione della filosofia: Jacques Derrida tra “posologie” e “disastrologie” de La Cartolina di Rosanna Chiafari   Che cosa accade quando il pensiero, la tradizione, la filosofia spartiscono la propria eredità con la scrittura di una cartolina erotica? Forse un disastro: sì, l’inizio di un dis-astro è, infatti, la […]

Leggi tutto

DOI: 10.30443/POI2020-0008 Le riviste di filosofia tra politica e cultura: il «Giornale critico della filosofia italiana» del 1929 di Emanuele Agazzani   Il XX secolo si apre, in Italia, all’insegna di un complessivo senso di trasformazione e progresso che investe le sfere dell’industria e dell’economia, della vita civile e della cultura e si riflette in […]

Leggi tutto

DOI: 10.30443/POI2020-0007 Comunicare la filosofia, agire nel mondo. Gli scritti popolari fichtiani degli anni 1804-06 di Luigi Imperato   Nella fase centrale della sua produzione filosofica, tra il 1804 e il 1806, durante i soggiorni a Berlino e ad Erlangen, Fichte tenne tre importanti cicli di conferenze popolari destinate ad un pubblico più ampio di […]

Leggi tutto

DOI: 10.30443/POI2020-0006 Scrivere di filosofia, scrivere per la filosofia. La polivoca posizione platonica sulla scrittura di Federica Piangerelli   Come Apollo delfico che, per Eraclito, non dice e non nasconde ma parla per segni solo a chi è in grado di intenderli, Platone inventa uno stile di scrittura enigmatico che solo il lettore attento può […]

Leggi tutto

DOI: 10.30443/POI2020-0005 Transizioni prospettiche nel poema didascalico di Parmenide di Massimo Pulpito   Le modalità di comunicazione filosofica nell’età in cui affondano le radici stesse del pensiero greco antico offrono un ottimo caso di studio nell’ottica di una indagine sulle forme espressive della filosofia. Agli inizi della sua storia, tra i cosiddetti Presocratici, a essere […]

Leggi tutto

DOI: 10.30443/POI2020-0004 L’antilogia come forma espressiva dei sofisti di Stefania Giombini L’articolo si concentra sulle forme espressive utilizzate dai sofisti. Pur non aderendo all’idea che i cosiddetti sofisti fossero un ‘movimento’, caratterizzato da linee univoche di ricerca e produzione intellettuale, l’articolo cerca di sviluppare l’ipotesi che un tratto comune possa essere costituito dall’uso dell’antilogia, cioè […]

Leggi tutto

DOI: 10.30443/POI2020-0003 Il ruolo del commento filosofico come forma del “fare filosofia” nella scuola platonica di Atene al tempo di Proclo di Michele Abbate   Lo scopo dell’articolo è quello di esaminare la natura del commento filosofico nella tradizione filosofica neoplatonica e in particolare nella scuola di Atene al tempo di Proclo. Esso propone altresì […]

Leggi tutto

DOI: 10.30443/POI2020-0002 Il “corpo” di Socrate. Filosofia e trasmissione del sapere tra contrasto e identità di Alessio Lembo e Enrico Volpe   Ogni volta che lo storico del pensiero si trova di fronte all’opera di un autore non può fare a meno di confrontarsi sia con i contenuti del testo in oggetto sia con lo […]

Leggi tutto

DOI: 10.30443/POI2020-0001 La filosofia e le sue forme di espressione di Salvatore Lavecchia   In nessun ambito come nella comunicazione filosofica le forme del comunicare si sono manifestate in modo più evidente quale generativa performatività riguardo ai contenuti, al metodo, agli obiettivi da cui sono state orientate. In altre parole, un’efficace comunicazione filosofica, una produttiva […]

Leggi tutto